Autoage

Strada extraurbana principale

STRADA EXTRAURBANA PRINCIPALELa strada extraurbana principale (strada di tipo B) è una strada con carreggiate indipendenti o separate tra loro da uno spartitraffico invalicabile. Ogni carreggiata ha almeno due corsie di marcia e dispone di una banchina pavimentata sulla destra. La corsia di emergenza non è necessaria, può esserci o meno. L'ingresso e l'uscita sono caratterizzate da apposite corsie di accelerazione e decelerazione e da una segnaletica che avvisa gli automobilisti della tipologia di strada. In Italia le strade extraurbane principali sono individuate da una segnaletica su sfondo blu.

CIRCOLAZIONE STRADA EXTRAURBANA

La circolazione nelle strade extraurbane principali può essere limitata soltanto a determinate categorie di veicoli a motore. In genere valgono le stesse restrizioni delle autostrade italiane. È vietata la circolazione ai pedoni, alle biciclette, ai ciclomotori di cilindrata inferiore a 150 cc e alle motocarrozzette di cilindrata inferiore a 250 cc, ai veicoli non muniti di cingolati, ecc.

Le strade extraurbane principali sono prive di intersezioni a raso. L'accesso alle proprietà private lungo i lati della strada può avvenire soltanto al di fuori della carreggiata tramite specifiche corsie di servizio o dopo essere usciti dalla corsia di decelerazione. Le strade extraurbane principali sono anche prive di attraversamenti a raso di linee ferroviarie o tramviarie. Lungo il suo percorso sono situate aree di sosta e aree di servizio. Dal punto di vista amministrativo le strade extraurbane principali possono essere statali, regionali, provinciali o comunali. A differenza delle autostrade il transito nelle strade extraurbane non è soggetto al pagamento di un pedaggio.




  Scrivi il tuo commento
 



 
   






 
  All rights reserved 2015 - Tutti i marchi registrati sono dei rispettivi proprietari
   PIVA 09286581005